Animali: L’Allattamento e lo Svezzamento dei Gatti

Mamma gatta allatta i gattini generalmente per una cinquantina di giorni. Lo svezzamento progressivo può iniziare a partire dalla quarta settimana, quando i cuccioli cominciano a esplorare spontaneamente i dintorni del nido materno. In caso che mamma gatta non riesca ad allattare i gattini, si dovrà ricorrere all’ allattamento artificiale: un cucciolo ha la necessità di mangiare regolarmente, con un intervallo tra un pasto e l’altro che varia da 2 a 6 ore a seconda dell’età.

Cuccioli da 0 a 10 giorni
Dovrebbero mangiare ogni 2 ore durante il giorno, ogni 3 ore la notte.
Cuccioli da 10 a 15 giorni
Dovrebbero mangiare ogni 3 ore durante il giorno, ogni 4 ore la notte.
Cuccioli da 15 a 20 giorni
Dovrebbero mangiare ogni 4 ore durante il giorno, ogni 5 ore la notte.
Cuccioli da 20 a 30 giorni
Dovrebbero mangiare ogni 5 ore durante il giorno, ogni 6-7 ore la notte.
 
L’alimentazione deve essere fino ai 30 giorni esclusivamente a base di latte apposito in polvere per cuccioli oppure a base di latte di capra intero o ancora si può usare la seguente ricetta, molto usata e che da generalmente ottimi risultati:

200 ML di latte di capra intero oppure latte vaccino intero

1-2 Cucchiaini di Panna da Cucina

Un Tuorlo d’uovo
Separare bene il tuorlo cercando di non romperlo e gettare tutto l’albume, poi con una siringa senza ago fare un piccolo foro sulla pellicina e aspirare, avendo cura di non aspirare anche la pellicina. Attenzione all’albume, perchè provoca diarrea ai cuccioli.

Un Cucchiaio da minestra di Meritene Novartis Vaniglia
Non indispensabile. Sono proteine del latte in polvere da acquistare in farmacia.

Mescolare il tutto e sbattere bene, usate un biberon per bambini. Questo latte così composto dura in frigorifero 3-4 giorni, riscaldate solo quello che vi serve per il pasto.

Il cucciolo deve mangiare al giorno il 25-30% del suo peso corporeo diviso per i vari pasti della giornata. Per esempio, un cucciolo di 100 grammi deve mangiare al giorno dai 25 ai 30 ml di latte. La quantità di latte che deve mangiare naturalmente deve aumentare in base all’aumento del peso del cucciolo.
 
Un cucciolo ben alimentato deve avere ogni giorno un aumento anche minimo (5 grammi).
Se l’aumento di peso non c’è, o si sta dando troppo poco latte oppure il latte non è abbastanza sostanzioso oppure ancora, il cucciolo non assimila. Il latte va somministrato a una temperatura di circa 38 gradi.

Per somministrare il latte ci sono gli appositi biberon che però possono rivelarsi pericolosi se il flusso di latte è troppo veloce perché potrebbe andare di traverso, finire nei polmoni e provocare la morte del cucciolo. Uno strumento meno pericoloso è la siringa, privata naturalmente dell’ago, perché il flusso del latte è minore e minore è il rischio che vada di traverso.

Non bisogna mai costringere un cucciolo che non succhia a mangiare con questi due strumenti perché il latte va di traverso con le conseguenze sopra descritte.
Premere solo per fare uscire una goccia di latte da far assaggiare al cucciolo.

In alternativa si possono usare anche dei contagocce, ma alimentare un cucciolo con il contagocce è molto laborioso. Il contagocce è da prendere in considerazione solo se non si riesce a fare in altra maniera e solo avendo molto tempo e pazienza a disposizione.

Si può iniziare ad alimentare i piccoli con cibo diverso dal latte materno verso le 3 settimane di età, usando del latte commerciale per gattini somministrato con un cucchiaino.
Dopo pochi giorni potete addizionarlo con dei croccantini e cibo umido per gattini in crescita, oppure con degli omogeneizzati a base di pesce o carne: 1 parte di cibo secco più 3 parti di latte o acqua, oppure 2 parti di cibo in scatola o fresco più una parte di latte o acqua. Riscaldate il cibo e mettetelo in una ciotola poco profonda e incoraggiate i piccoli spalmandogli un pò di pappa sulle loro labbra, facendo attenzione a non farlo entrare nelle narici, oppure intingetevi un pò un dito e metteteglielo in bocca. Appena i micetti avranno imparato a mangiare da soli, toglietegli gradatamente l’acqua o il latte dalla miscela.
Lo svezzamento si completerà intorno alle 6 – 8 settimane, ma è comunque consigliabile somministrare il cibo per gattini fino a 9 mesi di età.